Home
Home
Tutorials
   PHP
   Java
   Tutti...
Manuali
SmartImage
Marketing
Downloads
Contatti
Affiliati

  Da vedere
Hosting
Statistiche per siti
Corsi per webmaster
Hardware
Processori


  OnFocus
Contatore di visite senza database

JDOM, file XML e Java: Introduzione e lettura file

Miniature di immagini con le GD

  Siti Amici
Miki News
Giochi gratis
Areagratis
Baratto Online
AI Machines
Guide e Manuali Gratis
FreeOnLine
Siena Turismo
Tropeaonline.it
Software Freeware
Annunci Gratuiti
Hackish
Add to Technorati Favorites

Tutti i siti amici
Diventa Affiliato

 


Autore: Claudio Venturini
Categoria: php
Livello: base Livello base

Installare e configurare PHP e MySQL

Come testare gli script PHP in locale

Questo tutorial spiega i fondamenti dello scripting in PHP/MySQL. Fondamenti perchè senza ciò di cui stiamo per parlare non si potrebbe fare scripting, o meglio sarebbe impensabile riuscire a programmare uno script completamente funzionante ed efficiente diminuendo al minimo il tempo di lavoro.

L'argomento è semplice: come installare in locale un web server come Apache, con il modulo PHP, e uno dei database più utilizzati nel web, MySQL. Perchè installare tutto ciò in locale? La risposta è semplice: in locale la fase di programmazione ma soprattutto testing degli script può avvenire molto più semplicemente e velocemente che in remoto.

Detto così potrebbe sembrare che installare un web server in locale sia un'operazione complicata e per gente esperta, e invece è una cosa molto semplice, se effettuata con i giusti mezzi.

Il web server
Iniziamo col dire che un web server è un componente esseziale per simulare in locale il comportamento del vostro sito una volta pubblicato e inserito sul server remoto, sia che si tratti di pagine statiche (HTML puro) o dinamiche (HTML con script PHP, ASP, PERL o simili).
Il web server più diffuso in Internet è Apache (www.apache.org). Apache, su licenza GPL, è nato per sistemi Linux ma sono ormai da tempo disponibili versioni per Windows. Ciò permette l'installazione in locale sula maggior parte dei PC comuni. Al termine dell'installazione di Apache e della sua configurazione sarà possibile accedere alle proprie pagine web in locale attraverso più modi. Infatti le pagine web andranno inserite nella cartella "www" della directory di Apache, oppure in un'altra cartella qualsiasi del PC, purchè questa sia specificata nel file di configurazione di Apache. L'accesso alle pagine web in locale può avvenire attraverso url equivalenti, ovvero "http://localhost" o "http://127.0.0.1" o ancora "http://nomepc". Nell'ultimo caso "nomepc" è il nome identificativo del pc nella rete. Quando si digita nel browser tale indirizzo apache cerca automaticamente il file index.html o index.htm o start.htm nella directory "www" o in quella da voi specificata. Proseguendo con il tutorial vedremo ome installare il web server Apache.

Il modulo PHP
PHP (www.php.net) è l'acronimo di "PHP: HyperText Processor". Tale acronimo può trarre in inganno poichè la prima parola è l'acronimo stesso. E' uno dei cosiddetti acronimi ricorsivi, frequenti nel computing.
PHP è un modulo open source facilmente istallabile sul web server Apache che aggiunge al web server stesso la funzionalità di interpretazione ed esecuzione del codice PHP, appunto. PHP è un linguaggio abbastanza semplice e di facile comprensione, almeno nei suoi aspetti basilari, anche se non si hanno esperienze di programmazione precedenti. Perchè PHP? Il vantaggio di utilizzare PHP rispetto ad altri linguaggi di scripting quali ASP o PERL sta nel fatto che PHP è completamente gratuito e open source (al contrario di ASP che è di proprietà Microsoft) ed inoltre è stato valutato che ha performance migliori in termini di velocità di esecuzione rispetto agli altri linguaggi. Quando tratteremo l'installazione del web server vedremo anche come installare il modulo di PHP, senza il quale non si possono testare in locale pagine dinamiche scritte con tale linguaggio.

Il database MySQL
A prima vista il nome può sembrare riduttivo, ma in realtà MySQL è uno dei più potenti e veloci database. E' molto diffuso tra le applicazioni web e facilmente amministrabile e utilizzabile.
Perchè usare un database? Non bisogna pensare che un database sia fatto solo per grandi quantità di dati, un database è molto utile per tantissime applicazioni, non solo per siti che devono gestire ad esempio un sistema e-commerce o di community. Provate solamente a pensare ad una semplice mailing list, o ad un guest book. Nel caso di una mailing list ad esempio si potrebbero facilmente memorizzare sul database gli indirizzi email degli iscritti.

Installare il tutto
Finalmente arriviamo al punto. Come abbiamo visto bisognerebbe installare separatamente Apache, PHP e MySQL, ma perchè perdere tempo e forze anche nelle configurazioni quando si può fare tutto in un colpo solo? Consigliamo infatti di installare una piccola applicazione che si occupa autonomamente di installare e configurare queste tre cose. L'applicazione in questione è EasyPHP. Per maggiori informazioni andate sul sito ufficiale www.easyphp.org.
Innanzitutto bisogna scaricare da qui l'ultima versione, che comprende le ultime versioni di Apache, PHP e MySQL e PHPMyAdmin. Quest'ultima applicazione è in realtà un sistema di script PHP integrato che permette una facile amministrazione del database MySQL. PhpMyAdmin lo trovate con ogni probabilità installato anche sul vostro server remoto.
Per installare EasyPHP basta scaricarlo, lanciare l'installer e seguire le istruzioni. Al termine è necessario "lanciarlo" dal menu Start. In realtà questo è un termine inappropriato pocihè avviando EasyPHP questo non fa altro che avviare Apache, con intergrato il modulo PHP, e MySQL. Quando EasyPHP è correttamente avviato la sua icona lampeggia nell barra delle applicazioni. Una volta installato EasyPHP, che tra le altre cose si autoconfigura, Apache, PHP e MySQL saranno configurabili comunque come se fossero stati installati separatamente, ovvero EasyPHP non modifca in alcun modo questi elementi, solamente ne rende più semplice l'installazione e l'ultilizzo.

Ho installato, da dove inizio a programmare?
Conclusa l'installazione di EasyPHP è buona cosa testare che tutto funzioni. Per fare ciò dobbiamo scrivere la nostra prima pagina. Iniziamo con una semplice pagina web in HTML puro.
Esistono numerosi editor PHP sia free che a pagamento. Se non volete spendere per strumenti professionali potete scaricare un buon editor come PHPEdit. Scriviamo il seguente codice:

<html>
<title>La mia prima pagina</title> 
<body>
Ciao mondo!
</body>
</html>

Salviamo tale pagina con il nome index.html nella cartella "www" (c:\programmi\easyphp\www\) o nella cartella da voi specificata se avete modificato il file di configurazione di Apache.
Apriamo il solito browser e scriviamo http://localhost. Se EasyPHP è stato installato correttamente e se è correttamente avviato dovrebbe apparire la pagina web appena create con la scritta "Ciao mondo!". In caso contrario vi invito a visitare il sito ufficiale di EasyPHP per tovare una soluzione al problema.
Se tutto è andato bene ora sarà possibile creare le prime pagine php, per l'uso di tale linguaggio consultare una guida a PHP.

Utilizzare MySQL
L'amministrazione del database MySQL avviene semplicemente utilizzando l'utility PHPMyAdmin, già installata da EasyPHP. Per aprire tale utlity basta digitare nel browser http://localhost/mysql/. In questo modo si apre la pagina principale di PHPMyAdmin, da cui è possibile creare nuovi database e amministrare quelli esistenti. Per guide specifiche sull'argomento visitare il sito ufficiale di PHPMyAdmin (www.phpmyadmin.net).
Per utilizzare il database MySQL all'interno di scripts PHP consultare le varie guide di PHP sull'argomento. Vedrete che è più semplice di quanto si possa pensare!

Testare gli script PHP
Ogni volta che creerete uno script PHP dovrete salvarlo con estensione .php nella directory "www", o in quella da voi scelta e avviarlo inserendo l'indirizzo nel browser. Se inserite nel browser http://localhost e non avete una pagine index.html nella cartella "www" verrà visualizzato un elenco delle sottocartelle della casrtella "www". Da lì potete raggiungere il vostro script. Per informazioni segnaliamo che la cartella "www" o quella da voi impostata manualmente, si chiama Document root, ed è la cartella radice in cui il sever andrà a cercare tutte le pagine web.

Can't use function return value in write context in... Precedente Indice Successivo Contatore di accessi in PHP/MySQL
Can't use function return value in write context in... Contatore di accessi in PHP/MySQL
 
 VertoWeb - Aggregatore RSS - Etichettatrici - Dodeo - Mobile in stile